Sesta Giornata


SCONFITTI A GENOVA



 Se dopo la sconfitta casalinga contro Loano c'era più di qualcosa a cui pensare e tanto, tantissimo da mettere in discussione, dopo la prestazione genovese possiamo - forse - vedere le cose con un'ottica diversa.

La partita della Crocera ci lascia quel pizzico di rammarico perchè poteva finire diversamente con un paio di se... ma con i se e con i ma si fa poca strada.

Possiamo invece dire che il lavoro fatto in settimana si è visto ed adesso si deve proseguire su certe strade e con certi atteggiamenti. Abbiamo trovato delle risposte e  qualche giocatore ha iniziato a capire il sistema di gioco credendoci un pò di più.

Dobbiamo essere solidi nonostante la giovane età, lavorare duro ed iniziare a credere nei nostri mezzi e nelle singole qualità. Sabato prestazione positiva di tutta la squadra, certo ci sono mancate le "zampate" che ti fanno vincere quelle partite. Ma ci arriveremo.

Per concludere ed anche con un briciolo di sana invidia, il piacere di vedere una palestra gremita non ha prezzo, nelle due ore di partita si è sentito il tifo quello sano che dovrebbe riempire tutte le nostre palestre. Queste realtà sono e devono essere oggetto di riflessione e perchè no devono essere prese come esempio organizzativo. La partita di sabato dimostra quanto le prime squadre possano e debbano essere volano per tutti i settori giovanili. Si deve iniziare dal coinvolgimento dei più piccoli e delle loro famiglie se si vuole crescere e far crescere i nostri ragazzi. Il resto viene da se.



Articolo tratto da: ASD PALLACANESTRO BUSALLA - http://www.pallacanestrobusalla.it/
URL di riferimento: http://www.pallacanestrobusalla.it/index.php?mod=none_News&action=viewnews&news=1510592340